• Boeing riprende la produzione del 737 MAX

    • Sistema produttivo potenziato attraverso iniziative di sicurezza e qualità

    Renton,  28 maggio 2020 - Boeing ha ripreso la produzione del 737 MAX presso lo stabilimento di Renton (Stato di Washington). Il programma 737 ha iniziato a costruire questo tipo di aereo ad un ritmo di produzione contenuto, in quanto sta implementando più di una dozzina di iniziative incentrate sul miglioramento della sicurezza sul lavoro e della qualità del prodotto.

    “Siamo continuamente impegnati a far evolvere il nostro sistema di produzione e renderlo ancora più solido”, ha dichiarato Walt Odisho, vice president e general manager del programma 737. “Queste iniziative sono il prossimo passo verso la creazione di un ambiente di costruzione ottimale per il 737 MAX.”

    Durante la sospensione temporanea della produzione, iniziata a gennaio, meccanici e ingegneri hanno collaborato per perfezionare e standardizzare i pacchetti di lavoro in ogni posizione della fabbrica. Nuovi processi di kitting assicureranno, inoltre, che i dipendenti abbiano a portata di mano tutto ciò di cui hanno bisogno per costruire l’aereo.

    “I passi che abbiamo intrapreso in fabbrica ci aiuteranno a raggiungere il nostro obiettivo di qualità al 100% per i nostri clienti, supportando nel contempo il nostro costante impegno alla sicurezza sul lavoro”, ha affermato Scott Stocker, vice presidente 737 Manufacturing.

    Il programma 737 MAX aumenterà gradualmente la produzione nel corso dell’anno.