• Boeing presenta i risultati del primo trimestre

    • I risultati finanziari sono stati significativamente influenzati dall'epidemia di COVID-19 e dalla messa a terra del 737 MAX
    • Ricavi pari a $16,9 miliardi, perdita GAAP per azione pari a ($1,11) e perdita core (non-GAAP)* per azione pari a ($1,70)
    • Flusso di cassa operativo di ($4,3) miliardi; liquidità e titoli negoziabili pari a $15,5 miliardi
    • Portafoglio ordini totale di $439 miliardi, compresi oltre 5.000 aerei commerciali

    Chicago,  29 aprile 2020 -  XXX

    Nel primo trimestre, Boeing Company [NYSE: BA] ha registrato ricavi pari a $16,9 miliardi, una perdita GAAP per azione di ($1,11) e una perdita core per azione (non-GAAP)* di ($1,70), che riflette principalmente l'impatto del COVID-19 e della messa a terra del 737 MAX (Tabella 1). Boeing ha registrato un flusso di cassa operativo di ($4,3) miliardi.

    "La pandemia del COVID-19 sta influenzando ogni aspetto della nostra attività, compresa la domanda delle compagnie aeree nostre clienti, la continuità della produzione e la stabilità della catena dei fornitori", ha affermato David Calhoun, Presidente e CEO di Boeing. "Il nostro principale obiettivo è salvaguardare la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti e delle comunità in cui operiamo, mentre mettiamo in atto azioni severe ma necessarie per affrontare questa crisi sanitaria senza precedenti e adattarci a un nuovo scenario di marcato".

    Vista la continua riduzione del traffico passeggeri delle compagnie aeree per via della pandemia, Boeing stima un impatto significativo sulla domanda di nuovi aerei commerciali e servizi, con i vettori che ritardano l'acquisto di nuovi velivoli, riducono il ritmo dei programmi di consegna e rinviano le operazioni di manutenzione. Per allineare il business alla nuova realtà di mercato, Boeing sta adottando diverse misure, tra cui una riduzione del tasso di produzione degli aerei commerciali. Inoltre la società ha annunciato dei cambiamenti nella leadership e una ristrutturazione a livello organizzativo, con l'obiettivo di snellire ruoli e responsabilità, e prevede di ridurre l'organico totale, attraverso un programma di licenziamento volontario e ulteriori azioni che riguardano il personale, qualora fosse necessario.

    Boeing è intervenuta per gestire la liquidità a breve termine, e ha infatti contratto un prestito; ha ridotto i costi operativi e la spesa discrezionale; ha esteso l'attuale blocco dell'attività di riacquisto di azioni e ha sospeso il pagamento dei dividendi fino a nuovo ordine; ha ridotto o differito le spese per le attività di ricerca e sviluppo e gli investimenti; ha eliminato i compensi annuali del CEO e del Chairman. L'accesso a ulteriore liquidità sarà fondamentale per Boeing e per il settore manifatturiero aerospaziale, al fine di intraprendere la fase di ripresa e la società sta esplorando attivamente tutte le opzioni a disposizione. Boeing ritiene di essere in grado di ottenere liquidità sufficiente per finanziare le proprie operazioni. "Il

    COVID-19 sta aggiungendo una pressione senza precedenti alle nostre attività, ma noi siamo fiduciosi per il nostro futuro a lungo termine", ha dichiarato Calhoun. "Continuiamo a sostenere i nostri clienti del settore della difesa nelle loro missioni per la sicurezza nazionale. Stiamo proseguendo le operazioni per rimettere in servizio in assoluta sicurezza il 737 MAX; sicurezza, qualità ed eccellenza operativa sono il fulcro di tutte le nostre attività giornaliere. Il settore del trasporto aereo è sempre stato resiliente, il nostro portafoglio di prodotti e tecnologie è ben posizionato, e siamo fiduciosi di riuscire a uscire da questa crisi, a prosperare nuovamente e a posizionarci come leader del nostro settore". XXX

    Nel trimestre, il flusso di cassa operativo è stato pari a $4,3 miliardi, riflettendo principalmente l'impatto delle messa a terra del 737 MAX e della pandemia di COVID-19, nonché la tempistica delle entrate e delle uscite (Tabella 2).

    XXX

    La liquidità e gli investimenti in titoli negoziabili sono saliti a $15,5 miliardi, rispetto ai $10 miliardi all'inizio del trimestre, principalmente a causa dell'aumento del debito (Tabella 3). Il debito è stato pari a $38,9 miliardi, in aumento rispetto ai $27,3 miliardi riportati all'inizio del trimestre, a causa dell'utilizzo di una linea di credito, parzialmente compensata dai rimborsi del debito.

    Il portafoglio ordini totale dell'azienda a fine trimestre si è attestato a $439 miliardi.

    Risultati per segmento

    Commercial Airplanes

    XXX

    I ricavi del primo trimestre di Commercial Airplanes sono stati pari a $6,2 miliardi, riflettendo le minori consegne principalmente legate alla messa a terra del 737 MAX e gli impatti della pandemia di COVID-19 (Tabella 4). Il margine operativo del primo trimestre è diminuito del (33,3) percento, per via del calo delle consegne, di costi di produzione anomali per la sospensione temporanea della produzione dei 737 MAX pari a $797 milioni e di oneri dal valore di $336 milioni relativi ai costi di riparazione del componente di montaggio del telaio del 737 Next Generation ("pickle fork"), del calo dei margini del 787 principalmente a causa degli effetti della pandemia diCOVID-19 e di $137 milioni di costi di produzione anomali legati alla sospensione temporanea delle operazioni dello stabilimento di Puget Sound in risposta alla diffusione del COVID-19.

    Il COVID-19 ha avuto un impatto negativo sul programma 737 a causa di un più pronunciato rallentamento del tasso di produzione rispetto a quanto previsto, spinto dall'incertezza del settore delle compagnie aeree commerciali. Tenendo conto dell'impatto del COVID-19 sulla domanda, la produzione di velivoli 737 MAX riprenderà nel 2020 a un tasso più lento, quando le tempistiche e le condizioni per la ripresa della produzione saranno più chiare, per poi raggiungere gradualmente 31 unità al mese nel 2021, seguito da ulteriori incrementi graduali in linea con l'aumento della domanda proveniente dal mercato. I costi di produzione anomali stimati per la sospensione temporanea della produzione di 737 MAX sono aumentati di circa $1 miliardo, a causa dell'aggiornamento delle stime sui tassi di produzione, con un totale stimato a circa $5 miliardi. Non sono state apportate modifiche sostanziali alle stime di potenziali concessioni e altre considerazioni alla messa a terra del 737 MAX da parte dei clienti.

    Considerando l'impatti del COVID-19 sulle operazioni e sulle prospettive della domanda, Commercial Airplanes ha apportato un aggiornamento alle stime del tasso di produzione, che continueranno ad essere costantemente valutate. Nel 2020 il tasso di produzione del 787 sarà ridotto da 14 unità al mese a 10 unità al mese per poi essere gradualmente ridotto a 7 unità al mese entro il 2022. Il tasso di produzione combinato 777/777X sarà verrà ridotto a 3 unità al mese nel 2021. Ad oggi, le stime relative al tasso di produzione del 767 e 747 restano invariate.

    Commercial Airplanes ha consegnato 50 aerei nel corso del trimestre, inclusi 29 velivoli 787. Commercial Airplanes si è aggiudicata un ordine per 12 aerei 787 dalla All Nippon Airways e ha prodotto la millesima unità del modello 787 nello stabilimento Boeing South Carolina. Il portafoglio ordini di Commercial Airplanes comprendeva oltre 5.400 aerei per un valore di $352 miliardi.

    Defense, Space & Security

    XXX

    I ricavi del primo trimestre di Defense, Space & Security sono scesi a $6 miliardi, trainati principalmente da oneri sul KC-46A Tanker (Tabella 5). Il margine operativo del primo trimestre è sceso al (3,2%) a causa di un onere al lordo delle imposte di $827 milioni per il KC-46A Tanker, di cui 551 milioni rappresentano costi associati all'accordo firmato ad aprile con l'Air Force statunitense per sviluppare e integrare un nuovo Remote Vision System, mentre i costi rimanenti riflettono le inefficienze di produzione e le interruzioni delle attività dovute al COVID-19. Altri programmi sono stati influenzati negativamente dal COVID-19, fattore che ha ridotto ulteriormente il margine del trimestre.

    Nel primo trimestre, Defense, Space & Security si è aggiudicata un contratto per la produzione di 18 pattugliatori marittimi P-8A Poseidon, oltre a un contratto per la produzione di un prototipo SB>1 DEFIANT™ per il programma Future Long Range Assault Aircraft dell'esercito statunitense. Defense, Space & Security ha inoltre completato lo sviluppo del System Design Review per l'MQ- 25.

    Il portafoglio ordini di Defense, Space & Security si è attestato a $64 miliardi, di cui il 28% è composto da ordini effettuati da clienti al di fuori degli Stati Uniti.

    Global Services

    XXX

    Nel primo trimestre, Global Services ha riportato ricavi pari a $4,6 miliardi, che riflette l'aumento del volume dei servizi in ambito pubblico, in gran parte compensato da un minore volume dei servizi commerciali per via del COVID-19. (Tabella 6). Il margine operativo del primo trimestre è salito al 15,3%, principalmente grazie alle performance favorevoli nel settore dei servizi pubblici.

    Nel corso del trimestre, Global Services si è aggiudicata un contratto per i servizi logistici integrati e la modifica del contratto di supporto site activation del P-8A da parte della Marina Americana e del governo australiano. Ha inoltre ottenuto un contratto per lo sviluppo di logistica, componenti e servizi per la flotta Apache AH-64 dell'esercito statunitense. In occasione del Singapore Airshow, Global Services ha annunciato diversi accordi per servizi consumable and expendable e per soluzioni digitali stretti con diverse compagnie aeree dell'Asia-Pacifico.

    Informazioni finanziare aggiuntive

    XXX

    A fine trimestre, il saldo netto del portafoglio di Boeing Capital era di $2,2 miliardi. I ricavi derivanti da altre voci non allocate e per le cancellazioni sono aumentati principalmente a causa delle tempistiche di cancellazione delle consegne interaziendali di aeromobili. La variazione dei ricavi da altre voci non allocate e cancellazioni è principalmente dovuta a minori spese di compensazione differite e di un onere di svalutazione del finanziamento clienti assunto nel primo trimestre del 2019. Interessi e altri oneri sul debito sono aumentati a causa di debiti più elevati. L'aliquota fiscale effettiva del primo trimestre riflette i benefici fiscali relativi al fondo svalutazione perdite operative nette per 5 anni previsto dal Coronavirus Aid, Relief, and Economic Security (CARES) Act, nonché l'impatto delle perdite ante imposte. Contatti Armida Balla Communications Manager Boeing Italia 06-45217-737 342-5291540