• Dichiarazione di Boeing sul software del 737 MAX

    Chicago,  26 giugno, 2019  - La sicurezza dei nostri aerei è la massima priorità per Boeing. Durante la revisione da parte della FAA dell’aggiornamento del software 737 MAX e delle recenti sessioni con il simulatore, la Federal Aviation Administration (FAA) ha identificato un ulteriore requisito che ha richiesto all’azienda di implementare attraverso le modifiche al software che Boeing ha sviluppato negli ultimi otto mesi. La revisione e il processo della FAA per il ritorno in servizio del 737 MAX sono concepiti in modo da consentire una valutazione completa e accurata. Boeing è d'accordo con la decisione e con la richiesta della FAA e sta lavorando al software richiesto. Risolvere questa situazione ridurrà il carico di lavoro dei piloti tenendo conto di una potenziale fonte di movimento non comandato dello stabilizzatore. Boeing non offrirà il 737 MAX per la certificazione da parte della FAA finché non avremo soddisfatto tutti i requisiti per la certificazione del MAX e il suo ritorno sicuro in servizio.